Pages Navigation Menu

Nel 2012 EBITDA margin al 16% e utile netto pari a Euro 6,9 milioni, proposto dividendo di Euro 0,055 p.a.

  • Ricavi pari a Euro 65,4 milioni (Euro 169,8 milioni al 31/12/2011)
  • EBITDA pari a Euro 10,7 milioni (Euro 15,2 milioni al 31/12/2011); EBITDA Margin pari al 16% (9% al 31/12/2011)
  • Utile netto pari a Euro 6,9 milioni (Euro 9 milioni al 31/12/2011)
  • PFN pari a 62,3 milioni (Euro 58,2 milioni al 30/09/2012)
  • Patrimonio Netto pari a Euro 48,8 milioni (+51% rispetto a Euro 32,3 milioni al 31/12/2011)
  • 266 impianti fotovoltaici realizzati al 31/12/2012 per una potenza cumulata di 248,5 MWp; collegati alla rete impianti a biomasse per complessivi 1,5 MWe e 2 MWt; prodotti 90 milioni di kWh di energia.
  • Approvato i contratti di EPC per un impianto fotovoltaico da 10 MWp in Sudafrica presso l’aeroporto di Upington
Il Consiglio di Amministrazione di TerniEnergia, società attiva nei settori dell’energia da fonti rinnovabili, dell’efficienza energetica e del waste management, quotata sul segmento Star di Borsa Italiana, ha approvato in data odierna il progetto di bilancio di esercizio e il bilancio consolidato al 31 dicembre 2012.
Stefano Neri, Presidente e Amministratore Delegato di TerniEnergia, ha così commentato:
“Nel 2012 TerniEnergia ha conseguito risultati pienamente soddisfacenti, in quanto ottenuti in un contesto di mercato molto difficile e con una progressiva evoluzione del mix di attività e mercati geografici di riferimento. Nonostante le avverse condizioni economiche dell’Eurozona e le sostanziali modifiche del quadro regolatorio nazionale abbiano severamente penalizzato il settore “core” del fotovoltaico, la società è stata capace di reagire prontamente e di continuare nel suo percorso di creazione di valore per gli azionisti. In termini di crescita patrimoniale, la fusione con TerniGreen ha portato a un incremento del patrimonio netto del 51%, contribuendo in maniera determinante alla crescita dimensionale del Gruppo e alla valorizzazione delle sinergie. In questa direzione, va sottolineato che tutti gli obiettivi industriali del settore ambientale, rappresentati dagli asset della ex TerniGreen, sono stati raggiunti nei termini delineati dai piani industriali e completando l’imponente mole dei relativi investimenti. Va evidenziato, a conferma del pieno equilibrio finanziario, che oltre un terzo della posizione finanziaria netta a breve è costituita da importi relativi a investimenti in impianti produttivi già terminati e ancora non rifinanziati. Il processo di internazionalizzazione compiuto con estrema rapidità e prontezza, che ha compensato la debolezza dei mercati tradizionali del Gruppo, e il rafforzamento delle attività nel settore dell’efficienza energetica, hanno contribuito già quest’anno in maniera significativa ai risultati conseguiti. Sia in termini di visibilità sul mercato borsistico sia in termini di risultati, TerniEnergia ha dato dimostrazione di saper intercettare le tendenze più evolute del settore di riferimento e rappresenta oggi, nell’industria ambientale e delle rinnovabili, un protagonista tra i più attivi a livello europeo e un operatore integrato nel settore green, idoneo a costituire una piattaforma di aggregazione che rappresenti un’opportunità per gli investitori istituzionali”. 
 
RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2012
ricavi sono pari a Euro 65,4 milioni (Euro 169,8 milioni al 31 dicembre 2011) con una variazione attribuibile principalmente al mutato contesto normativo italiano, nonché alla scelta di non fornire i pannelli fotovoltaici per i nuovi impianti realizzati per conto terzi.
L’EBITDA si attesta a Euro 10,7 milioni rispetto a Euro 15,2 milioni registrati al 31 dicembre 2011. L’Ebitda Margin è pari al 16,32%, in crescita del 82% rispetto al corrispondente periodo del 2011 (8,97%).
Il Risultato Operativo Netto (EBIT) risulta pari a Euro 5,9 milioni (Euro 13,1 milioni al 31 dicembre 2011) dopo ammortamenti pari a Euro 2,1 milioni, svalutazioni e accantonamenti pari a Euro 2,7 milioni (pari complessivamente a Euro 2 milioni al 31 dicembre 2011).
L’utile netto si attesta a Euro 6,9 milioni (Euro 9 milioni al 31 dicembre 2011) e include la quota di risultato dall’attività delle JV pari a Euro 3,2 milioni, in crescita del 36,8% rispetto al 31 dicembre 2011.
La Posizione Finanziaria Netta è pari a Euro 62,3 milioni (Euro 58,2 milioni al 31/09/2012). La Posizione Finanziaria netta non corrente è pari a Euro 28,2 milioni, mentre la Posizione Finanziaria Netta a breve è pari a Euro 34,2 milioni. Il rapporto PFN a breve/Patrimonio Netto, pari a 0,7x si mantiene ampiamente al di sotto dell’unità, e il rapporto PFN a breve/Capitale Circolante Netto è pari a 1,0x, in un’area di piena sicurezza.
Il Patrimonio Netto cresce del 51% in conseguenza della fusione con TerniGreen, e ammonta a Euro 48,8 milioni (Euro 32,3 milioni al 31 dicembre 2011). Il valore del Patrimonio netto, non considerando l’effetto dei derivati, ammonterebbe a Euro 53,3 milioni.
Gli Investimenti totali effettuati nel corso dell’esercizio 2012 sono pari a Euro 40,8 milioni, di cui Euro 24,5 milioni derivanti dall’operazione di fusione con TerniGreen SpA. Di tali investimenti, Euro 1,4 milioni, sono rappresentati da immobilizzazioni immateriali, prevalentemente relative a brevetti già nella disponibilità della TerniGreen e riferibili tra l’altro alla produzione di lampade a led. Gli investimenti realizzati nelle immobilizzazioni materiali ammontano complessivamente a Euro 39,4 milioni, di cui Euro 23,3 milioni sostenuti da TerniGreen prima dell’Operazione di Fusione. Tali investimenti sono rappresentati da immobilizzazioni materiali in corso, per Euro 23,5 milioni (di cui Euro 15,5 milioni derivanti dall’operazione di fusione con TerniGreen), riferiti principalmente all’impianto di biodigestione di Nera Montoro, all’impianto di compostaggio di Calimera, al secondo impianto di trattamento PFU (Pneumatici Fuori Uso) e all’impianto di pirogassificazione di Borgosesia. Gli investimenti in impianti e macchinari effettuati nel corso dell’esercizio 2012 ammontano complessivamente a Euro 12,4 milioni, di cui 4,6 milioni già sostenti dalla TerniGreen prima della fusione e rappresentati prevalentemente dall’impianto di trattamento PFU di Nera Montoro; la parte residua, pari a Euro 7,8 milioni, si riferisce in prevalenza alla realizzazione di due impianti fotovoltaici e all’acquisizione dell’impianto di depurazione delle acque di falda presente all’interno dello stabilimento di Nera Montoro.
Il Consiglio di Amministrazione ha confermato la proposta all’Assemblea dei soci della distribuzione di un dividendo lordo unitario pari a Euro 0,055 per azione, corrispondente a un pay out ratio pari al 30% sul risultato netto consolidato. Il dividendo sarà posto in pagamento in data 30 Maggio 2013 con stacco della cedola N. 4 in data 27 Maggio 2013.
 
RISULTATI INDUSTRIALI AL 31 DICEMBRE 2012
Dall’inizio dell’attività al 31 Dicembre 2012 il Gruppo ha realizzato 266 impianti fotovoltaici per una potenza cumulata pari a 248,5 MWp (di cui 9,1 MWp di proprietà al 100% della società e 61,1 MWp destinati alle joint venture per l’attività di Power Generation). Con effetto al 31 dicembre 2012, è stata completata la vendita da parte di TerniEnergia a EDF EN Italia della quota pari al 50% del capitale sociale della joint venture Energie Srl, proprietaria di 13 impianti fotovoltaici di taglia industriale per complessivi 16,5 MWp.
La produzione complessiva di energia degli impianti di proprietà al 100% della società e di quelli in joint venture per l’attività di power generation, è stata pari per l’intero anno 2012 a circa 90 milioni di kWh.
TerniEnergia, inoltre, ha collegato alla rete gli impianti di recupero energetico da biomasse e rifiuti di Nera Montoro (biodigestore GreenAsm in joint venture con AsmTerni S.p.A.) e Borgosesia (pirogassificatore alimentato a legno vergine) per complessivi 1,5 MWe e 2 MWt.
 
RISULTATI TERNIENERGIA S.P.A. AL 31 DICEMBRE 2012
ricavi netti si attestano a Euro 38,9 milioni (Euro 197,8 milioni al 31/12/2011). Il margine operativo lordo (EBITDA) è pari a Euro 3,6 milioni (Euro 16,5 milioni al 31/12/2011). Il risultato netto è pari a Euro 1,2 milioni (Euro 7,9 milioni al 31/12/2011).
 
RISULTATI PRO-FORMA AL 31 DICEMBRE 2012
Al 31 dicembre 2012 il Gruppo detiene il controllo congiunto – insieme a partner di primario livello – su 11 società aventi a oggetto l’individuazione, lo sviluppo, il finanziamento, la progettazione, la costruzione, la messa in esercizio e la gestione in Italia di impianti fotovoltaici di taglia industriale, nonché la vendita dell’energia elettrica prodotta dagli stessi.
Conformemente a quanto disciplinato dallo IAS 31 – Partecipazioni in Joint venture, il Gruppo ha optato per il metodo del patrimonio netto per la contabilizzazione delle joint venture, rilevando quindi i relativi risultati di competenza del Gruppo nella riga del conto economico consolidato “Quote di risultato di JV”. Nella seguente tabella sono evidenziati i risultati economici del Gruppo qualora al 31 dicembre 2012 i risultati delle joint venture fossero stati contabilizzati con il metodo proporzionale, che consiste nella rilevazione della quota parte di competenza di tutte le attività e passività, costi e ricavi rivenienti dal bilancio delle joint venture:

31.12.2012

31.12.2011

Euro

Euro

Ricavi

85.192.276

183.841.070

EBITDA

27.315.201

26.847.688

Risultato operativo

17.019.646

20.464.845

Risultato netto

6.878.864

9.048.832

Ebitda Margin

32,06%

14,60%

Tale metodologia di contabilizzazione non avrebbe determinato alcuna rettifica sul risultato netto del Gruppo nel periodo in esame.
 
FATTI DI RILIEVO SUCCESSIVI ALLA CHIUSURA DELL’ESERCIZIO
1 Febbraio 2013 – Il Gruppo ha annunciato, nell’ambito della propria strategia di sviluppo e di internazionalizzazione del business, la costituzione a Bucarest della società TerniEnergia Romania Srl, controllata al 100%. La subsidiary romena opererà con la massima efficienza per lo svolgimento del consistente programma di attività che il Gruppo prevede di sviluppare nei Paesi est europei, considerati strategici in termini di tendenza per la crescita dei business legati alle energie rinnovabili e all’ambiente.
1 Marzo 2013 – Nell’ambito della propria strategia di sviluppo dell’attività di power generation, la società ha perfezionato l’acquisizione della totalità delle quote della società Alchimia Energy 3 S.r.l., proprietaria di un impianto fotovoltaico di taglia industriale in Umbria, per una potenza installata complessiva pari a circa 0,8 MWp, già in esercizio con tariffa del secondo “Conto Energia”. Il valore complessivo dell’operazione è pari a circa Euro 2,16 milioni.
 
EVOLUZIONE PREVEDIBILE DELLA GESTIONE
In una situazione di mercato che ha enormi opportunità sul piano dello sviluppo e limitazioni contingenti sull’accesso al capitale, TerniEnergia ha mutato in maniera molto dinamica il proprio modello di business puntando a combinare: stabilità di cash flow con opportunità di crescita derivante dalla replicabilità; differenziazione del rischio Paese e differenziazione del rischio di controparte nel B2B; differenziazione delle fonti del capitale.
Per questo la società continuerà a perseguire anche nel futuro una strategia che coniughi dimensione del business, crescita e politica di sviluppo dei rapporti con i mercati del capitale e del debito. Di conseguenza, il Gruppo prevede le seguenti linee strategiche:
–       Sviluppo internazionale;
–       Concentrazione sul possesso e controllo degli asset con investimenti diretti;
–       Specializzazione su alcuni settori portando competenze integrate per la risoluzione del problema energetico complessivo di aziende;
–       Focalizzazione su linee di business a maggiore sviluppo, consolidando – senza il ricorso a nuovi investimenti – le linee di business a più basso potenziale di ritorno e di crescita, sulle quali si è basato lo sviluppo recente (EPC, O&M). Concentrazione sull’attività di power generation con la piena indipendenza tecnologica e la diversificazione delle fonti e delle tecnologie stesse, per esaltare le opportunità di breve periodo e le esigenze di copertura della curva di domanda.
In particolare, TerniEnergia intende proseguire il proprio percorso di crescita, concentrandosi su tre linee di sviluppo:
–       Investimenti diretti nella power generation per immissione in rete, con diversificazione di rischio Paese, mirando allo sviluppo dei Paesi con forte domanda di crescita (es. Sudafrica e India) e domanda di sostituzione (Europa);
–       Investimenti diretti di generazione ed efficienza energetica per settori verticali con controparti private e conseguente diversificazione del rischio di controparte;
–       Interventi ambientali e di uso delle risorse marginali.
Obiettivo di TerniEnergia sarà quello di rafforzare l’evoluzione in settori che richiedono competenze specialistiche, per i quali l’efficienza energetica e la disponibilità di energia sono strategici, creando applicazioni energetiche per le industrie del settore, integrando tecnologie di generazione e competenze di efficienza energetica. TerniEnergia, grazie alle azioni di integrazione svolte nel corso del 2012 (crescita nell’efficienza energetica, fusione con TerniGreen, sviluppo della generazione di energia elettrica da biomassa e biogas, etc.), punta a crescere in mercati emergenti e consolidare la presenza sul propri mercati storici, a partire dall’Italia, attraverso la realizzazione di una strategia Independent Power Producer integrato, sviluppando e costruendo impianti con differente tecnologia di generazione per gestirli direttamente, anche se condividendo la proprietà con investitori finanziari. Questa combinazione di investimenti per la crescita e stabilizzazione del cash flow consente un bilanciato processo di generazione del valore per gli azionisti. TerniEnergia intende avere un portafoglio bilanciato per Paese. La società ha avviato l’internazionalizzazione in alcuni Paesi europei (Grecia e recentemente l’apertura delle filiali Polonia e Romania) e in alcuni mercati emergenti attrattivi (Africa del Sud, India) sui quali operare progressivamente e in modo integrato con le diverse linee di business.
Sul versante finanziario, TerniEnergia intende consolidare l’eccellente reputazione presso gli investitori, utilizzando la propria presenza in Borsa per candidarsi ad essere una piattaforma di investimento per investitori istituzionali, creando le condizioni, attraverso la stabilità del cash flow, per utilizzare il debito in maniera efficiente rispetto alle evoluzioni richieste dal mercato.
ALTRE DELIBERE DEL CDA
Il Consiglio di Amministrazione ha esaminato e approvato la Relazione sul governo societario e gli assetti proprietari per l’esercizio 2012, la Relazione sulla gestione dei processi amministrativi in un’ottica di controllo interno e ha approvato la Relazione sulla remunerazione degli Amministratori e dei Dirigenti con responsabilità strategiche prevista dall’art. 123-ter del D. Lgs. 58/98, che sarà sottoposta ad approvazione dell’Assemblea.
Il Consiglio di Amministrazione di TerniEnergia si è espresso favorevolmente sul contratto di Service con la JV paritetica GreenASM Srl, avente ad oggetto la messa a disposizione di un impianto di Biodigestione per il trattamento, il recupero energetico e il compostaggio della frazione organica dei rifiuti solidi urbani. Trattandosi di operazione con parte correlata che supera le soglie identificate ai sensi dell’art.4, comma 1, lettera a) del regolamento 1722/2010, il Consiglio di Amministrazione ha acquisito il parere positivo del Comitato per Operazioni con Parti Correlate e ha approvato la suddetta operazione. Il contratto di service avrà durata di dieci anni e prevederà il pagamento di un corrispettivo annuo di Euro 0,88 milioni.
Il Consiglio ha, inoltre, approvato il progetto di EPC relativo alla realizzazione di un impianto fotovoltaico in Sudafrica, presso l’aeroporto di Upington, della potenza di circa 10 MWp e i contratti ad esso correlati.
Il Consiglio ha, infine, convocato l’assemblea ordinaria degli Azionisti per deliberare in ordine all’approvazione del bilancio al 31/12/2012 e alla nomina dei nuovi componenti degli organi sociali, Consiglio di Amministrazione e Collegio Sindacale, per gli esercizi 2013, 2014 e 2015.
La documentazione relativa alle materie all’ordine del giorno dell’Assemblea degli azionisti sarà messa a disposizione del pubblico nei tempi e con le modalità previste dalla normativa vigente.
  Il Dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari, Dott. Paolo Allegretti, dichiara, ai sensi del comma 2 dell’art. 154-bis del Testo Unico della Finanza, che l’informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri e alle scritture contabili.